Ai miei compatrioti.

25 Jun

È il momento di usare il cervello, è il momento di capire, è il momento di essere società civile. Non è importante la posizione politica, non sono importanti le ideologie che ci caratterizzano. Stiamo entrando in un periodo della storia dell’umanità di turbolenze, smottamenti e difficoltà. Ora è assolutamente deleterio esprimersi tutti conoscitori di settori e di discipline che non ci appartengono. E questo in due campi e in due modi. Primo. Cerchiamo di capire – invece che ragionare solo con il nostro cervello. Ci sono esperti del settore e dovremmo capire quali siano e come renderli utili per il nostro processo individuale di comprensione. Non siamo tutti esperti di relazioni internazionali, non siamo tutti economisti, ma siamo tutti capaci di leggere le parole di esperti di relazioni internazionali e di economisti professionali e attendibili. Usiamo il cervello per capire come, attraverso persone che lo fanno di professione, capire di discipline che fino ad oggi non hanno fatto parte della nostra esistenza. Per questo non ha senso in questo momento ascoltare i politici, ma ha senso usare il cervello e studiare. Secondo. Noi italiani abbiamo la grande capacità di inserirci in altre società, in altre nazioni. E questo per una forma di frenesia e goffaggine che ci rende in generale piacevoli. Non dimentichiamoci infatti che non siamo in generale persone violente, ma – per piacere -non dimentichiamoci chi siamo, da dove veniamo, e quali interessi abbiamo. E interessi sia economici che, più in astratto, ideali e filosofici. Usiamo il cervello, e cerchiamo di capire come evitare instabilità politiche nel nostro paese che potrebbero essere pericolose. Non è una questione di partiti, è una questione di unità nazionale, e stabilità in Europa. Non vogliamo un’altra guerra tra di noi o contro altri.

The drama of a relationship

28 Dec

IMG_1158.JPGThe first date sees two people that crave for something. A relationship is like the end of the craving.

Two people, one in front of the other, trying to understand how to trigger a reaction. Before it was action, now it is reaction. From being active, people in a relationship often turn into zombies or solo fighters. It is quite sad, indeed.

But it is also quite funny. Two people met and thought of the other “quite hot.” After a few months, they look at the other person as “quite warm”, trying to force the other to go to bed first so that he/she warms up the bed. A relationship is something like a long sleep from ourselves.

And this is not always that bad. Sometimes we are horrible creatures, so better take a break. Sometimes we are genius, but better take a break too.

A relationship is quite the opposite of a tennis match or any other sport. You know that, at the end, they will both win or they will both lose. Fortunately, or unfortunately depending on the case, people seem to forget about this when they first meet. The first date is often quite entertaining, the bad comes afterwards.

Come mettere virgole e virgolette. Come arrivare a mettere un punto.

2 Jul

Come mettere virgole e virgolette. 

Come arrivare a decifrare le note a pié di pagina.

Come arrivare a mettere un punto. 

Bacco, il mio cane, è morto oggi

25 Jun

E Bacco abbaiava ad Einstein.

“Bacco è il mio cane, un meticcio bianco e nero di piccola taglia. Einstein è un San Bernardo, è leggermente più giovane e fino a poco tempo fa veniva aggredito dall’abbaio del mio meticcio. Scappava sotto gli alberi e io guardavo sospettoso. Bacco ora ha sei anni, un manifesto della mia adolescenza.

Siamo andati in giardino per una passeggiata insieme e Einstein si è scagliato contro Bacco. Faceva paura anche a me, ma ho preso subito il mio cagnolino e gli ho trovato rifugio sulle spalle. Einstein mi ha girato un po’ attorno, marcando il suo territorio: il San Bernardo ha capito di poter attaccare Bacco.

Lo spazio e il tempo sembrano dare ragione a un cane grande. La razionalità sta avendo il sopravvento e io mi ritrovo a pensare a Bacco, a Bacco che faceva paura ad Einstein.”

A quando Bacco abbaiava ad Einstein. A quando Bacco era forte. A quando Bacco era pieno di vita. Ieri ho cancellato queste righe dal mio libro e oggi Bacco non si è più svegliato.

Questo blog è stato solo un esperimento. Il dietro le quinte di una roulette russa

28 Mar

Questo è l’ultimo post del blog. Il blog che è stato un esperimento. Un lancio per il libro. Il libro stesso. Il making of di un anno. Una bomba ad orologeria.

Era il 28 marzo 2012. Ero in camera da solo. Ho toccato una penna. L’ho sentita fredda. Era di metallo. E io di carne. Carne debole. Carne macellata. Carne usata. Condita in tante salse diverse. Carne che vuole essere pesce. Carne che vuole essere altro.

In quel momento mi sono detto: “suicidio o gioco”. Mi sono dato un anno. Un anno per finire il libro o per farla finita veramente.

Ogni giorno ero là. A pensare al libro e a pensare al suicidio. C’era la sceneggiatura del libro. C’era la sceneggiatura del suicidio. Tutto era già allestito. Non sapevo soltanto a quale spettacolo avrei partecipato.

Avevo bisogno d’aiuto. Avevo bisogno di sentirmi utile.

Avevo bisogno di coccole. Avevo bisogno di affetto adulto.

Avevo bisogno di sentirmi bravo. Chiedevo soltanto di essere bravo.

Più sentivo il bisogno e più volevo farla finita. Suicidio è stata la parola che più ho sentito nella mia vita. Libro la seconda nel mio cervello. Volevo capire se la seconda parola potesse superare la prima. Se il libro riuscisse ad attutire quella voglia di volo. E di caduta.

Ogni volta che scrivevo una riga pensavo al suicidio. So benissimo come avrei voluto andarmene. Ogni particolare era ben pensato, strutturato, scritto. Ho viaggiato per stare fermo. Ho viaggiato per capire dove farla finita.

La cosa bella è che più pensavo al suicidio e più pensavo al libro. Il mio gioco stava diventando la mia vita. E, nonostante le mie esitazioni, il libro cresceva e la voglia di suicidio diminuiva. E poi tornava un po’. Diminuiva parecchio e tornava ancora. Lo zaino era sempre aperto.

Sono stato esitante per tanti secondi. Tanti giorni. 364 per l’esattezza. Sono stato fino a ieri a chiedermi se il libro avesse e abbia senso. Se non sia meglio soltanto dire: “sai che c’è? Ciao a tutti”. Lo zaino è ancora aperto.

Voglio essere tutto e alla fine non sono niente. Questa la base del suicidio. Non avevo un’identità. Non sapevo chi fossi e speravo che la valigia mi potesse dare una mano.

Ma una cosa mi è sempre stata chiara: sono una persona fedele a me stessa. Dura a sufficienza da non mettere da parte il mio orgoglio e chiedere proroghe. Nessun legittimo impedimento. Non volevo rimandare.

Al che ho aperto il blog. Avrei avuto la sicurezza matematica che in un anno avrei dovuto finire il libro. Un libro fatto di 12 mesi, da riscrivere in 12 mesi. Mi sembrava un patto sano. Pericoloso ma sano.

Almeno non avrei pensato per 364 giorni: “la faccio finita adesso”. Avrei avuto del tempo per decidere. Per vedere nuovi posti. Per vedere Mando e Copenaghen, per vivere il sud della Francia, per stare a Londra e andare in Galles. Per vivere un po’ nella mia città. Milano. Avrei avuto tempo per salutare tutte le persone a cui voglio bene. O quasi.

Negli ultimi mesi mi sono sentito alle strette. Una decisione era urgente.

Ero con Juju in Francia e ho iniziato a piangere. Non mi sono fermato per due giorni.

Mia madre era in ospedale. Speravo morisse. Speravo ci lasciasse le penne perché così mi sarei sentito meno in colpa nei suoi confronti. Non avrei avuto giustificare il fatto che sia uno stronzo egoista. Un narciso incredibile. Che chiede affetto a tutti i costi e poi se ne scappa lontano dove non possa ridare niente in dietro. Speravo morisse. E non è morta.

Quando era chiaro che mia madre non sarebbe morta ho sentito addosso il peso della sua vita. Ho sentito che avrei comunque dovuto decidere entro il 28 marzo 2013. Per conto mio. Con la mia testa. Che palle. Con la mia testa.

Sono ritornato a Milano e il libro era quasi finito. Mi piaceva. Lo trovavo interessante, magari un po’ noioso. Ma intelligente. Per niente ruffiano. Anzi forse troppo poco ruffiano.

L’ho letto a mia madre. Dopo cinque pagine si è addormentata. Io leggevo e il suo respiro diventava sottile. Speravo fosse crepata. L’ho sperato per diverso tempo. Ho letto un intero capitolo sperando fosse morta.

Poi si è risvegliata. Gli antidolorifici le facevano male. E facevano male anche a me.

L’unica persona che ha capito quello che mi passasse nella testa è stata la mia nipotina Giulia. E forse una persona di nome Paola. Anche se Ted era sempre con me.

Ho pianto in tanti bagni di Milano. Ma nessuno mi ha mai visto. Nessuno ha mai sentito il suono delle mie lacrime. Forse Giulia. Lei ha nove anni e io trenta. Sono un coglione. Un coglione che ha bisogno della comprensione di una bambina.

Da quel giorno è riaffiorata la voglia di farla finita. Il libro non mi convinceva. Mi faceva quasi schifo. Lo trovavo inutile. Lo trovavo di poco conto.

Ho mandato 12 capitoli su 13 ad alcuni amici. Non ho detto che il vero libro era il 13esimo capitolo. La fine era tutto. Non sapevo neanche se l’avrei finito. E intanto il tempo scorreva.

Pochi giorni. Non so che faccio. Non so dove vado. Non so la fine del libro. Non so la fine della sceneggiatura. Cazzo non so niente.

E il blog era là a ticchettare. A scandire il tempo. Un orologio era appeso alla parete a ticchettare con il blog.

Il blog è stato la mia miccia. Una miccia lunga 364 giorni alla fine della quale sarebbe dovuto essere chiaro il finale della storia.

L’ho usato come esperimento. E’ stato un modo per introdurre nel mio mondo. Introdurre a un linguaggio. A delle emozioni piccole o grandi. A far capire man mano chi fossi. Ho chiesto affetto e non sapevo quanto tempo sarebbe durato.

Se me ne fossi andato il blog sarebbe stata un’arma contro tutte le persone a cui ho chiesto affetto inutilmente. A cui chiedevo di esserci e che non c’erano.

Ma era psicopatia. Era un modo per dire: “avevo ragione io”. Un modo di vincere senza giocare. Lo strumento perfetto per il baro perfetto. Un modo per non affrontare la paura di vincere. La paura di perdere. La paura di giocare. La paura di dire chi sia. La paura di respirare. La paura di sapere trattenere il respiro durante anni di apnea. La paura di essere fin troppo bravo a stare fermo. Fermo al mio angolo, a provare di essere forte.

Il punto è che io non sono perfetto. Non sono mai stato perfetto. Questo blog è pieno di errori. Li ho lasciati. Li ho sentiti. Continuerò a farli. Il libro è pieno di errori. Ma non fa schifo. Non è perfetto. La perfezione non esiste.

Avevo bisogno d’affetto e l’ho chiesto con il blog. E’ stato il making of di una sceneggiatura di cui non sapevo la fine. E’ stato il mio esperimento.

Il blog era parte del libro. Ne era una parte fondamentale. Forse l’unica che molte persone avrebbero letto.

Così mi son detto.

Oggi il blog chiude ma io ho deciso di giocare. Ho deciso di non farla finita. Oggi ho deciso di sorridere, con il mio herpes a ricordarmi che sono la cosa più lontana dalla perfezione. Ho capito che vincere non è sopraffare. Che la vita è un duetto. Che la salvezza è la semplice voglia di posare la penna e dirsi: “sì, Sergio sei stato bravo. Non perfetto, ma bravo”.

A questo punto il blog è chiuso. Conterrà soltanto degli estratti del libro che sto cestinando. Parti del libro che non saranno nel libro.

Parti del libro che sono in piedi e sorridenti dopo il 28 marzo 2013.

Gioco. Dico io.

E un po’ odio sto cazzo di libro. E questo cazzo di ultimo post. Che poi è in un certo senso il primo capitolo del libro stesso.

Almeno questo è quello che mi dico mentre mi chiedo che differenza ci sia tra immaginazione e realtà.

20130328-120224.jpg

L’arte del saluto (e lo chiamavano Medioevo)

28 Mar

Salutare una persona non è semplicemente stringere una mano o strizzare l’occhio. Accomiatarsi da una persona è distaccarsi da un periodo della propria vita. E’ abbracciare con grazia la pelle di un’emozione.

Saper salutare è saper capire, riconoscere le possibilità che la persona o il luogo da cui ci si allontana ti hanno dato. Perché le persone e i luoghi a cui sei emotivamente attaccato ti hanno regalato la possibilità di vedere una una parte di te che forse non conoscevi o che avevi dimenticato. Il saluto è il riconoscimento, il certificato, la laurea ad honorem del periodo insieme.

Questo vale per le persone, ma anche per i luoghi. Ricettori di persone, crocevia di pensieri, crociere emotive. Siamo tutti proiezioni di pensieri. I luoghi con noi.

Salutare è un’arte di cui molto spesso non sappiamo neanche il linguaggio.

Dare la mano destra. Che vuol dire “non ho una spada nella mia mano destra”. Dare entrambe le mani. Ovvero suggerire all’interlocutore che “non ho una spada nella mia mano destra ne un pugnale nella mia mano sinistra”.

Salutare è dare un senso finale ai messaggi precedenti. E’ raccordare significati. E’ porgere entrambe le mani.

Viaggiatori senza gobba

19 Mar

Passeggiando in giro per il mondo s’incontrano delle persone che hanno curiosità, che vogliono vedere e toccare. Esploratori di ogni giorno, esploratori le cui gambe trotterellano per capire quello che gli altri si fanno spiegare. Persone che vivono tanto.

Ci sono delle volte che mi chiedo perché sia partito. Perché ho lasciato qualcosa di sicuro per essere picchiato dalla mia incapacità di capire culture diverse. Perché sto pagando il pegno di conoscere quando avrei potuto facilmente godermi l’aria condizionata nel mio appartamento di Milano.

Poi mi ricordo di loro. Italiani e non. Persone che, quando hanno il mal di schiena per un letto sbagliato, troveranno un posto nuovo. Persone mai gobbe. Magari sofferenti ma mai gobbe.

Stando a Copenaghen per l’estate ho conosciuto un gruppo di deliziosi italiani. Deliziosi cuochi che hanno lasciato l’Italia. Un gruppo di persone adorabilissime.

Sta a persone come loro provare, una volta di più, che Padoa Schioppa aveva preso una cantonata. Che i “giovani” non sono per niente bamboccioni.

Quando penso a loro so di aver fatto bene ad andarmene via dalla periferia sud-est della mia città, abbandonando la mia depressione in un letto che rimane mio. Ci sono delle volte in cui conosco persone che hanno vissuto più di me. In quei momenti il mal di schiena scompare immediatamente.

%d bloggers like this: